Cultura libera? Giova ai cittadini, ma non alle major. Perciò...

Nonostante uno studio del Governo inglese abbia dimostrato che estendere la durata del copyright danneggia il mercato europeo e, naturalmente, anche e soprattutto gli utenti, le grandi case discografiche stanno sferrando un nuovo attacco alla cultura libera: vogliono estendere a 95 anni la durata del copyright.
Secondo le major è bene mettere i lucchetti alla musica classica perché questo consentirebbe loro di guadagnare anche in un settore dove oggi, grazie ai diritti scaduti, c'è forte concorrenza. Non tengono conto delle piccole case discografiche (che spesso sopravvivono grazie alla musica classica libera), né ovviamente degli utenti, che in un mercato aperto possono scegliere l'edizione che preferiscono

La Electronic Frontier Foundation e l'Open Rights Group stanno raccogliendo firme per fermare questa proposta di legge:

Ulteriori informazioni su: